https://www.flexworking.it/

Transizione 4.0: previsti incentivi per 18,4 miliardi

Bonus per beni strumentali immateriali, investimenti tecnologici per il lavoro agile e processi in ottica green

Nell’ultimo anno si è sempre più parlato di trasformazione digitale, ovvero il processo di integrazione e implementazione delle tecnologie digitali in tutti gli aspetti del business. Un processo che comporta cambiamenti sostanziali non solo a livello di tecnologia, ma anche di cultura, operazioni e valori. Le aziende oggi, per rimanere al passo, devono sapersi reinventare, trasformando radicalmente tutti i loro modelli e processi e sfruttando al meglio le tecnologie emergenti.

La pandemia ha contribuito a velocizzare questo processo di digitalizzazione, costringendo le imprese ad adeguarsi al nuovo paradigma. Servizi finanziari, strumenti di video-conferenze, marketing on-line e piattaforme di vendita sul canale dell’e-commerce: queste le principali tecnologie che le aziende hanno sviluppato durante l’emergenza sanitaria, per continuare a distribuire i loro servizi o prodotti e rimanere in contatto con i clienti.

Photo by Austin Distel on Unsplash

Trasformazione digitale: previsti incentivi da 18,4 miliardi

La digitalizzazione è infatti una delle voci principali del Piano nazionale di ripresa e resilienza, il programma di investimenti che l’Italia deve presentare alla Commissione europea nell’ambito del Next Generation EU, lo strumento per rispondere alla crisi pandemica, provocata dal Covid-19. Recentemente fa il Governo ha trasmesso al Parlamento il testo del Pnrr. Alla missione “Digitalizzazione, innovazione, competitività e cultura” vanno 43,6 miliardi di cui, 10 per la Pubblica Amministrazione, 27, 5 per la competitività del sistema produttivo, 6, 1 per il turismo e la cultura e 18, 46 miliardi agli incentivi fiscali per la Transizione 4.0.

Il Piano Transizione 4.0 è stato pensato dal Ministero dello sviluppo economico per favorire le imprese italiane che decidono di investire nel processo di digitalizzazione. Gli incentivi riguardano soprattutto i cosiddetti beni strumentali immateriali: software, applicazioni e piattaforme. Ma ci sono altre due direttrici sulle quali si focalizzano gli incentivi da parte del Governo: realizzazione o rigenerazione di processi e prodotti in ottica green e investimenti tecnologici per lo sviluppo del lavoro agile. 

Lo smartworking è diventato la nuova realtà e sono già 7 milioni su 22 milioni di occupati i mobile workers in Italia. Molte le multinazionali che hanno adottato questo modello di lavoro. In questo scenario anche gli spazi di coworking stanno assumendo un ruolo centrale: ambienti dove è possibile lavorare da remoto, senza rinunciare alla socialità, grazie alla presenza di una community. Questi spazi flessibili si adattano alle esigenze dei clienti offrendo una gamma variegata di servizi e dotazioni. Tra queste le lavagne interattive multimediali (LIM), le stampanti multifunzione e la domiciliazione annuale: un servizio che permette di avere i vantaggi di un ufficio vero, senza sostenerne i costi di gestione. In passato l’ufficio virtuale era un servizio richiesto soltanto da multinazionali che avevano bisogno di una presenza in Italia. Oggi, invece, è utilizzato anche da professionisti e start-up che ne apprezzano i benefici e la flessibilità.

Flexworking, a due passi dal Duomo di Milano e con spazi a misura d’uomo, rappresenta un’ottima alternativa al lavoro da casa e offre il servizio di domiciliazione. Contatta il nostro spazio di coworking al numero 02.87226977, invia una mail a info@flexworking.it o visita il nostro sito www.flexworking.it. Inoltre il nostro team specializzato di toBiz Agency, potrà aiutarti nello sviluppo del tuo business e nell’innovazione della tua immagine nel mondo digital.

Categories: News

Tags:

Post Your Thoughts

Related Posts
I vantaggi del Coworking rispetto all’ufficio tradizionale

I vantaggi del Coworking rispetto all’ufficio tradizionale

Stare bene aiuta a lavorare bene, ma non è così semplice. Molte sono infatti le…

I 6 fattori da considerare per la scelta del coworking

I 6 fattori da considerare per la scelta del coworking

In una realtà ancora segnata dagli effetti della pandemia da Coronavirus, lo smart working è…

Smart working: in pigiama o come Kate Middleton?

Smart working: in pigiama o come Kate Middleton?

C'è chi preferisce un outfit comodo per lavorare da casa e chi non può rinunciare…

Close

Fast check-in

Would you like to see our space before joining? Come and visit our coworking space. Please fill out the form and our manager will get back asap.

Riceverai una e-mail di conferma una volta cliccato su invio. In caso contrario, controllare la cartella di spam e contrassegnare l'e-mail come sicura