Donne del mondo unitevi… nei co-working space!

Non vi è più alcun dubbio: le soluzioni di co-working sono sempre più apprezzate in tutto il mondo, dall’America, all’India fino al nostro paese. Ora si procede a grandi passi e mentre di nuovi se ne aprono, quelli che già hanno un po’ di esperienza si perfezionano. Come? Integrando negli spazi comuni tutto (o quasi tutto) quello che potrebbe servire oltre ad una scrivania e ad una connessione veloce.

Le donne sono le prime che hanno cominciato a fare degli spazi in condivisioni i “loro” spazi! In giro per il mondo sta infatti prendendo piede lo smart working rosa: in questi uffici gli uomini non sono i benvenuti e sono proprio le donne a fare da padrone.

È a New York il baluardo dei coworking al femminile

Primo fra tutti il newyorkese The Wing che si presenta come “co-working & community designed for women”: ovunque qui si respira girl power all’ennesima potenza, dall’arredamento pink&gold alle postazioni per il trucco e prodotti per il make up gratuitamente messi a disposizione delle associate, alla libreria palesemente “femminista”! Non solo: a completare il grande progetto che è The Wing ci sono anche un blog che senza mezzi termini prende il nome di No Men’s Land (per chi ancora non avesse chiaro che gli uomini qui sono off limits), e un merchandising online dove acquistare spillette con il volto delle grandi donne che hanno fatto la storia e gadget con frasi che rimarcano la libertà assoluta della figura femminile o avvertimenti nei confronti degli uomini!

Anche le londinesi hanno bisogno dei loro spazi 

Il progetto di quest’ “ala” di donne è chiaro, diretto ed estremamente ben fatto. Eppure non è l’unico nel mondo: con tutto un altro stile d’arredamento ma nessuno strappo alla regola d’oro del “no men” il We Heart Mondays è un co-working space di sole donne che è nato a East London con lo scopo, come dice la sua fondatrice, di creare un posto dove le donne potessero riunirsi, fare network, amicizie ed essere liberamente se stesse. Ma non è forse possibile tutto questo anche in un ambiente di lavoro condiviso tradizionale? Secondo la fondatrice di AllBright, un club londinese, più che un coworking, pensato sempre in funzione delle donne e delle loro esigenze, questo è uno spazio dove il gentil sesso possa splendere senza essere oscurato dalla figura maschile. E aggiunge che spesso ha potuto constatare come in una conversazione a cui partecipino sia donne che uomini, è frequente che la voce rosa venga coperta dalla troppo alta voce blu! Eliminando dall’equazione il cromosoma XY, secondo la stessa Jones, le donne sarebbero più propense a far sentire la propria voce e condividere le loro esperienze.

Un atteggiamento diverso quello londinese rispetto all’ala newyorkese: se il primo sembra allontanarsi dall’uomo perché troppo debole, l’altro perché troppo forte! Ma cambiando la posizione degli addendi il risultato non cambia: per un motivo o per un altro le donne sentono il bisogno di riunirsi indisturbate e anche nel nostro paese si avvertono i primi segnali di predominanza femminile negli spazi di lavoro condiviso.

Da nord a sud si moltiplicano rapidamente le iniziative fatte da e pensate per sole donne, la percentuale femminile negli uffici condivisi è sempre superiore a quella degli uomini e si stanno attrezzando gli stessi spazi con sale per l’allattamento o nursery per permettere alle mamme in carriera di accudire i loro figli.

Le “quote verdi” di Flexworking

Noi di Flexworking  siamo un mixed co-working space: donne e uomini sono benvenuti allo stesso modo ma non ignoriamo certo le innate capacità (a volte, c’è da ammetterlo, superiori a quelle degli uomini) che il gentil sesso possiede in ambito di creatività, cura dei dettagli, facilità di adattamento e molto altro. Tuttavia nella nostra realtà milanese crediamo che le quote rose siano, tra le altre cose, molto utili a valorizzare le blu. E viceversa! Gli uomini sono pragmatici e semplici, è vero. Ma spesso è proprio ciò che manca ad alcune donne, che potrebbero giovare della vicinanza a qualcuno che possiede le qualità in cui loro peccano. Dunque il nostro co-working al centro di Milano vuole essere il giusto mix, il luogo che si adatti “taylor-made” alle esigenze di donne e uomini che cercano il contesto giusto per lavorare, fare network e far crescere il proprio business… insieme!

Post Your Thoughts

Related Posts
I coworking in crescita anche nel 2020. Le nuove sfide per il 2021

I coworking in crescita anche nel 2020. Le nuove sfide per il 2021

Il settore del coworking, come tutti i settori, ha affrontato una serie di conseguenze senza…

Eco-friendly e senza stress: il coworking come “terza via” di domani

Eco-friendly e senza stress: il coworking come “terza via” di domani

Ecco perché l'office sharing potrebbe essere l'alternativa più valida all'ufficio tradizionale e allo smart working…

Perché lavorare da remoto in un coworking e non da casa?

Perché lavorare da remoto in un coworking e non da casa?

Il coworking non è solo un luogo in cui entrare in contatto con grandi professionisti, ma…

Close

Fast check-in

Would you like to see our space before joining? Come and visit our coworking space. Please fill out the form and our manager will get back asap.

Riceverai una e-mail di conferma una volta cliccato su invio. In caso contrario, controllare la cartella di spam e contrassegnare l'e-mail come sicura