L’indagine di Arup rivela: i lavoratori vogliono più verde e coworking dopo il Covid

 Un’indagine comparata di Arut rivela i bisogni dei lavoratori dopo il Covid: più verde e coworking “entro 15 minuti da casa” dopo il Covid

Arut ha condotto un’indagine comparata tra 5 mila cittadini residenti nelle più grandi città del mondo: Milano, Berlino, Londra, Parigi e Madrid. L’obiettivo di Arut era infatti capire come sono cambiate le priorità dei lavoratori che hanno vissuto il brutto periodo di lockdown lo scorso anno, a causa della pandemia da Covid19.

Stefano Recalcati, Associate Director di Arup Italia, ha sintetizzato i risultati della ricerca con queste importanti parole: “Ripensare i piani terra degli edifici per incrementare i fronti attivi in cui inserire servizi per la collettività. Introdurre negli edifici di nuova realizzazione spazi ad uso comune, da considerare come estensione della casa e in cui promuovere forme di coworking di vicinato, spazi di gioco e svago. E ancora, incentivare nei nuovi sviluppi urbani delle forme organizzate di comunità di quartiere, con luoghi dedicati, che aiutino a creare un maggior senso di identità”.

Flexworking

L’ideale sarebbe inoltre che lo spazio di coworking si trovi entro 15 minuti da casa. Sarebbe infatti molto più semplice e più comodo trovare uno spazio adatto a lavorare e per di più vicino a casa e alle strutture essenziali, invece di andare ogni giorno nel luogo dell’azienda o società per cui si lavora che molto spesso dista anche più di un’ora dalla nostra abitazione. Dalla ricerca, è apparso che l’80% dei londinesi sono più propensi a lavorare da casa e in smartworking, a Milano sono invece il 50%, a Madrid il 49%, a Parigi il 46% e a Berlino il 40%.

Il team di Arup ha inoltre trovato 5 driver per le città post-pandemia: pedonalizzazione, forestazione, spazi pubblici per il gioco, mix di funzioni e uso della tecnologia per costruire dei modelli digitali. La forestazione e aumentare gli spazi verdi sarebbe la priorità per Arup, il verde rende infatti le città più resilienti: è una difesa dalle inondazioni e rende l’aria più pulita, offre anche più ombra e ristoro nelle città coperte da cemento.

Flexworking, spazio di coworking situato in Via Cerva 20 a San Babila, è il luogo ideale per incontrare i bisogni dei lavoratori dopo il covid. Situato in una posizione centrale, intorno a sé ha tutti i numerosi servizi che la città di Milano sa offrire, a zero minuti di distanza. Inoltre, le sale spaziose assicurano distanziamento sociale e sicurezza. Non manca neanche il verde da Flexworking, le piante e la natura in un luogo urbano danno maggior benessere ai lavoratori.

Se vuoi avere maggiori informazioni, contattaci al numero 02.87226977, oppure inviaci una mail a info@flexworking.it o visita il nostro sito flexworking.it.

Post Your Thoughts

Related Posts
Coworking Milano: la soluzione migliore durante la Fase 2

Coworking Milano: la soluzione migliore durante la Fase 2

Coworking Milano: perché l'ufficio "tradizionale" potrebbe non essere più la soluzione migliore Oggi 4 maggio…

Livigno, inaugurato il primo ufficio coworking sulle piste da sci

Livigno, inaugurato il primo ufficio coworking sulle piste da sci

Siete in vacanza a Livigno, vi state godendo il panorama e le piste da sci,…

5 consigli per trovare la concentrazione in uno spazio di coworking

5 consigli per trovare la concentrazione in uno spazio di coworking

Ognuno di noi ha la necessità di lavorare in luoghi confortevoli e adatti a favorire…

Close

Fast check-in

Would you like to see our space before joining? Come and visit our coworking space. Please fill out the form and our manager will get back asap.

Riceverai una e-mail di conferma una volta cliccato su invio. In caso contrario, controllare la cartella di spam e contrassegnare l'e-mail come sicura